VogheraNewsPavia

VOGHERA 29/07/2021: Delitto di piazza Meardi. La sindaca. Nessuna responsabilità per l’accaduto. Niente dimissioni. Al lavoro invece per un nuovo assetto della giunta

Luglio 29
19:18 2021

VOGHERA – Mentre le polemiche sull’uccisione di Piazza Meardi, sulla dinamica dell’accaduto e sulle indagini, proseguono sui social e sui giornali, quelle di carattere politico (dopo una scomposta carrellata di post su facebook che se da un lato hanno contribuito a rovinare l’immagine dell’intera città – la città dei razzisti e dei pistoleri -; dall’altro è riuscita a far dimenticare la vera questione in campo: l’impotenza dell’intero appartato della sicurezza a fronte ai casi di illegalità presenti a Voghera) prendono una via più seria e istituzionale.

Ieri, come da programma (programma straordinario!), si è tenuto il consiglio comunale, tutto dedicato al caso Adriatici-Youns El Boussetaoui.

Preceduto dalle lamentele per una seduta fatta ancora via internet anziché in presenza, il consiglio ha visto l’opposizione di centro sinistra attaccare a tutto spiano la Giunta a trazione leghista, chiedendone di fatto la dimissioni.

La seduta si è aperta con le parole della sindaca, che si e dichiarata addolorata per l’accaduto e per i coinvolti ma ha anche rivendicato il profilo basso e il silenzio tenuti subito dopo la tragedia. Paola Garlaschelli ha ricordato la figura di collaboratore apprezzato e di persona stimata dell’assessore, ma ha respinto ogni responsabilità politica dell’amministrazione, in quanto Massimo Adriatici ha agito al di fuori delle proprie funzioni di assessore.

Garlaschelli ha infine difeso il proprio operato, respinto ogni ipotesi di dimissioni ed anzi ha annunciato un nuovo assetto della giunta, il cui unico obiettivo sarà quello di governare bene la città.

A seguire l’intervento completo della sindaca.

“Esprimo un profondo dispiacere, un sincero dolore, per quanto accaduto la scorsa settimana sia alle persone (abbiamo perso una vita, ed un’altra è segnata per sempre ), sia a Voghera.

Ho ritenuto di osservare nei primi giorni successivi alla tragedia un silenzio di responsabilità, quale forma di rispetto ed ho preferito parlare successivamente e soprattutto oggi. Non ho demandato ad alcuno il compito di parlare per me.
Oggi mi rivolgo ai cittadini e al consiglio comunale, che è luogo deputato alla discussione dei fatti attinenti la citta, non la piazza dove le polemiche si gonfiano e si rendono a volte incontrollate ed incontrollabili. colgo l’occasione oggi per puntualizzare alcuni aspetti importanti.

E’ un momento molto difficile, in cui è necessario restare uniti con senso di responsabilità, per ritrovarci nei veri valori della nostra comunità.

Ribadisco oggi quanto già affermato in merito all’assessore, da quando ci siamo messi al lavoro per amministrare voghera è stato un collaboratore apprezzato così come da sempre persona stimata in città e non solo. Ciò che ha fatto verrà giudicato non da noi ma in altra sede.

Risponderà personalmente delle responsabilità che verranno accertate nelle sedi competenti
ma vorrei sottolineare che non si tratta di una responsabilità politica di questa amministrazione perché una responsabilità politica e quando un assessore mette in atto determinati comportamenti durante lo svolgimento delle proprie funzioni nell’ambito dell’assessorato, come la predisposizione di provvedimenti che coinvolgono la giunta.

In questo caso invece l’assessore è stato coinvolto nella vicenda di cui è protagonista la sera, assumendo iniziative personali al di fuori del mandato di assessore.

Questo beninteso non significa difendere o condannare Massimo Adriatici, questo non spetta a me lo ribadisco, significa mettere in chiaro le questioni per non cadere in questa giostra impazzita nella quale viene ripetutamente chiesto di dare sentenze quando non spetta a noi dare sentenze di questo tipo…

E con ciò non si vuole assolutamente sminuire la gravità di quanto accaduto un fatto gravissimo in cui ha perso la vita una persona.

Ma è proprio il rispetto per quanto accaduto che impone la chiarezza e la lucidità di analisi.

Ho sentito dire in questi giorni che il non schierarsi apertamente con una posizione di condanna feroce corrisponda ad un passare oltre, a non attribuire la giusta importanza a quanto accaduto.

Invece cari cittadini ritengo che sia proprio il contrario.

Significa non cadere nella trappola della strumentalizzazione, abbracciare il silenzio quale forma più alta di rispetto per i gravi gravissimi fatti che ci hanno sconvolto.

Ci sono aspetti però sui quali da sindaco sento il dovere di tutelare e difendere con decisione la nostra città.

Ci sono un paio di aspetti, però, sui quali da Sindaco sento il dovere di tutelare, di difendere con decisione la nostra città.

Qualcuno vuole fare passare un messaggio fuorviante, dicendo che Voghera non è una città attenta agli ultimi, alle persone in difficoltà: no, su questo devo necessariamente fare chiarezza, perché così proprio non è.

La nostra amministrazione, si è occupata da subito di alcune situazioni di disagio, ricordo la situazione di via plana a cui si è trovata una soluzione con grazie ad una azione corale. Il Comune ha inoltre stanziato risorse a favore famiglie a basso reddito perché non aumenti il disagio derivante da situazioni economiche, soprattutto ora che stiamo uscendo da una grave pandemia.

Quanto successo in piazza Meardi, ha riacceso anche a livello nazionale il dibatto e le riflessioni sull’integrazione e sulle problematiche che questi processi portano con se’.

Si tratta di riflessioni che sono quotidianamente all’ordine del giorno di chi amministra, ma anche in questo caso si rende necessaria una puntualizzazione:
La tragedia della scorsa settimana a Voghera non è figlia di qualcosa che non funziona nella filiera dell’integrazione a Voghera, perche’ i problemi legati all’integrazione affondano le radici nel passato e riguardano tutte le aree urbane, non solo la nostra città.

Non ho mai voluto e non voglio cadere nella contrapposizione, della lotta politica che divide. Ripeto la mia posizione non sarebbe cambiata se i fatti avessero visto le vittime invertite.

Ho sempre pensato che l’integrazione sia un processo da governare, non da subire, perche’ subirla significa generare appunto insicurezza e tensione sociale. sappiamo che non è facile e tanti operatori che lavorano tutti i giorni concretamente nella filiera dell’integrazione lo possono confermare: per questo occorrono un quadro normativo efficace, strumenti idonei, competenze, risorse. Ma è un tema che, ripeto, va affrontato con ampio respiro, non sull’onda dell’emotività per un grave fatto di cronaca in una città, Voghera, in cui i problemi legati all’integrazione vi sono come ci sono in tutte le città italiane. Voghera non è diversa dalle altre città, i temi della sicurezza e degrado sono comuni a tutti, stiamo attenti a non descriverla peggiore di quello che è.
Purtroppo l’inseguimento di risultati immediati e l’esigenza di rispondere alle emergenze, sono insufficienti per affrontare le difficoltà e le sfide quotidiane

Sono temi per i quali non esiste bacchetta magica ed una soluzione istantanea, temi che richiedono un lungo lavoro, che abbiamo avviato e ha bisogno di tempo per dare risultati stiamo impegnandoci il più possibile in un momento socialmente drammatico.

Siamo stati chiamati ad amministrare Voghera e stiamo lavorando dallo scorso autunno con responsabilità, proseguiremo da un lato tramite l’assessorato ai servizi sociali, la collaborazione con le associazioni di categoria, il dialogo con le parrocchie per comprendere insieme come agire al meglio, e dall’altro per valorizzarne le potenzialità e per migliorare la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini a realizzare il mandato elettorale.

E’ un impegno che portiamo avanti a testa alta, consapevoli delle grandi difficoltà di questo momento storico. Un episodio come quello accaduto nei giorni scorsi, seppur così grave, non può farci mancare il coraggio e la voglia di andare avanti a costruire una Voghera migliore.

Per quanto l’assessorato, vi è stata una sospensione ex lege, seguita dalle dimissioni pervenute sabato non appena la magistratura ha concesso l’autorizzazione necessaria, protocollate nella giornata di lunedì all’apertura degli uffici.

Sto effettuando ampie valutazioni per giungere a breve ad un nuovo assetto della giunta, il cui unico unico obiettivo è il buon governo della città.
Continueremo con spirito rinnovato, a testa alta, a lavorare per la nostra città.

Porteremo a termine il nostro programma di mandato che risponde ad un progetto politico ed amministrativo per il quale i vogheresi ci hanno votato.
Non è questo episodio di cronaca a cambiare le cose, a influenzare l’entusiasmo e l’impegno quotidiano di ognuno di noi.
Come Sindaco e come giunta siamo vicini a tutte le vittime di questa assurda vicenda, forse senza clamore ma sempre con senso di responsabilità umana e politica

Infine ringrazio le forze dell’ordine per il dialogo continuo, per la loro professionalità e collaborazione dimostrata anche durante la manifestazione dello scorso sabato.”

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

NO ALLA VIVISEZIONE

Molini di Voghera

ALLE 10.30 LA DIRETTA DAL DUOMO DI VOGHERA DELLA MESSA DI DON DANIELE LOTTARI

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

CONTATTI

Altre Notizie in breve… via Twitter


playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Fotografia Spazio53 Voghera

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Amici

Facebook

SALICE. Domenica 5 settembre tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi

NO AI RIFIUTI IN STRADA. USA I CASSONETTI . USA LA TESSERA ASM