VogheraNewsPavia

PAVIA VOGHERA 22/07/2020: Coronavirus. I dati regionali di oggi. 1 decesso. Terapie intensive sotto i 20. Gallera scrive al Ministero per “liberare” i “debolmente positivi”

Luglio 22
18:37 2020

PAVIA VOGHERA – La Regione Lombardia ha emanato i dati del contagio da coronavirus aggiornati a mercoledì 22 luglio.

i tamponi effettuati: 5.361 totale complessivo: 1.217.829

i nuovi casi positivi: 51 (di cui 16 a seguito di test sierologici e 22 ‘debolmente positivi’)

i guariti/dimessi totale complessivo: 71.860 (+85)  (69.888 guariti e 1.972 dimessi)

in terapia intensiva: 17 (-4 )

i ricoverati non in terapia intensiva: 149 (-2)

i decessi: 1, totale complessivo: 16.798

La Regione ha emanato anche i dati dei casi per provincia

  • Milano: 17 di cui 10 a Milano città
  • Bergamo: 7
  • Brescia: 9
  • Como: 1
  • Cremona: 0
  • Lecco: 1
  • Lodi: 4
  • Mantova: 0
  • Monza e Brianza: 5
  • Pavia: 0
  • Sondrio: 1
  • Varese: 6 . (LNews)

I dati sono stati commentati dall’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

“I dati di oggi sono particolarmente incoraggianti, nelle province di Cremona, Mantova e Pavia, infatti, non si registra alcun caso di positività.

Scende sotto quota 20 il numero dei ricoverati in terapia intensiva (17 in totale) con un calo di 4 unità rispetto a ieri. Diminuiscono, seppur lievemente, anche i pazienti nei reparti di degenza che si attestano a quota 149 (2 meno di ieri).”

E ancora. “Dei 51 casi riscontrati oggi, 22 sono debolmente positivi e 16 invece sono riferiti a tamponi eseguiti a seguito della positività al test sierologico. Anche oggi si registra 1 solo decesso. Proseguono le azioni di preventive di monitoraggio e di tracciamento gestite dalle ATS per ‘stanare’ anche i focolai più piccoli ed estinguerli sul nascere”, conclude Gallera.

IN LOMBARDIA 2.000 ‘DEBOLMENTE POSITIVI’ ANCORA IN ISOLAMENTO, GALLERA: “MINISTERO INTERVENGA, SITUAZIONE È INSOSTENIBILE NECESSARIO AGGIORNARE LINEE GUIDA PREVISTE PER QUESTO TIPO CASI”

Nella stessa giornata lo stesso assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ha scritto al Ministero della Sanità per trovare una soluzione ai “debolmente positivi” che sono obbligati a quarantene lunghissime.

Degli 8.947 soggetti ancora positivi al Covid in tutto il territorio regionale, ce ne sono circa 2.000 che, nonostante siano trascorsi due mesi dalla data di comparsa dei sintomi, continuano ad essere ‘debolmente positivi’.

Si tratta di cittadini costretti a stare ancora in isolamento, in virtù delle regole dettate dalle linee guida del Ministero della Salute, che considerano un soggetto guarito solo dopo la negatività di un doppio tampone eseguito a distanza di 24 ore. Una situazione per la gestione della quale Regione Lombardia ha chiesto indicazioni precise al Ministero della Salute, al Comitato Tecnico Scientifico e all’Istituto Superiore di Sanità.

“Questo pomeriggio – comunica l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera – ho inviato una nuova nota, dopo quelle già inoltrate dalla Direzione Generale dell’Assessorato, il 10 e 22 giugno, affinché ci vengano fornite linee guida aggiornate alla situazione attuale, soprattutto alla luce degli studi scientifici che hanno dimostrato la scarsa possibilità di infettare da parte di questi soggetti”.

 

Nella missiva inviata questo pomeriggio sono stati riportati, come nelle precedenti comunicazioni intercorse con i tecnici della Dg Welfare, i risultati dello studio condotto su 280 soggetti guariti da coronavirus Sars-Cov-2 dall’Irccs San Matteo di Pavia, in collaborazione con l’Istituto zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna, l’ospedale civile di Piacenza, l’ospedale universitario ‘Le Scotte’ di Siena e il Policlinico di Milano. Una ricerca che aveva evidenziato che tali pazienti avevano ‘cariche’ virali basse e che il segnale di sopravvivenza del virus era meno del 3%.

 

“Questi prolungati periodi di isolamento – ha rimarcato Gallera – stanno generando situazioni in molti casi insostenibili e con risvolti psicologicamente negativi in soggetti fragili, come per esempio la bambina di 4 anni del milanese per la quale abbiamo già interessato il Ministero. Siamo tutti concordi sull’importanza di garantire la sicurezza delle persone, nella certezza però di non infliggere misure sproporzionate. Mi auguro pertanto che il Ministero della Salute, che tramite il direttore generale della Prevenzione Giovanni Rezza, nell’ultima missiva del 23 giugno scorso, si rimetteva a un pronunciamento del Cts, fornisca alla Lombardia e di conseguenza a tutto il Paese, una linea che garantisca sicurezza e appropriatezza”.

Commenti

Commenti via Facebook

ELEZIONI: SIMONA VIRGILIO PER GARLASCHELLI SINDACO

ELEZIONI: CLAUDIO ZUFFI INSIEME PER VOGHERA

ELEZIONI: Movimento civico vogherese fabio aquilini

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Molini di Voghera

Fotografia Spazio53 Voghera

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

Altre Notizie in breve… via Twitter


playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

RIVEDI LA SECONDA INTERVISTA AL SINDACO DI VOGHERA

RIVEDI L’intervista al Sindaco di Varzi Giovanni Palli

RIVEDI L’INTERVISTA A TERESIO NARDI (SLOW FOOD)

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di Voghera

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di codevilla

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

CONTATTI

NO ALLA VIVISEZIONE

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

Feste&Patroni e Vogheranews partner

Amici

Facebook

STRADELLA. Sabato 19 tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi