VogheraNewsPavia

PAVIA VOGHERA 23/03/2020: “Il San Matteo Ospedale Modello”. Intervista dell’On. Romaniello sull’emergenza coronavirus

Marzo 23
20:12 2020

PAVIA VOGHERA – Il deputato vogherese Cristina Romaniello è stato intervistato dall’Agenzia 9Colonne sull’ospedale San Matteo di Pavia, impegnato in prima linea sul fronte del Coronavirus.

L’OSPEDALE

“Vorrei elogiare un ospedale che sta affrontando questa crisi con grande competenza e professionalità: il San Matteo di Pavia. Il policlinico sta gestendo l’emergenza coronovirus nel migliore dei modi, in modo esemplare. È una eccellenza italiana che sta mettendo in campo tutte le sue risorse e specializzazioni per sconfiggere un nemico silenzioso che, sono convinto, può essere sconfitto”. Lo dice a 9colonne il deputato vogherese del Movimento 5 Stelle Cristian Romaniello che invita a fare una riflessione: “Va sottolineato che il San Matteo è riuscito a mantenere una numerosità di contagi all’interno del personale medico-sanitario molto bassa rispetto ad altri ospedali della Lombardia. Il numero dei contagiati da covid 19 che fanno parte del personale dell’ospedale è di 8 persone”. Perché così poche rispetto ai numeri che si registrano in altri ospedali e che sono realtà simili o poco più grandi? “Perché a Pavia – spiega a 9colonne il deputato pentastellato – la dirigenza, a cominciare dal presidente Alessandro Venturi e dal direttore generale Carlo Nicora, i medici e tutta la task force impegnata a gestire l’emergenza hanno stabilito un metodo tanto estremo quanto efficace: hanno considerato tutti coloro che fanno parte del personale sanitario soggetti asintomatici e positivi al covid19”. “In questo modo – prosegue Romaniello – si autotutelano e tutelano colleghi e pazienti. E non è necessario fare un numero elevato di tamponi. E’ un metodo che va totalmente in contrapposizione a chi propone di fare tamponi a tutti” .

NO A “TAMPONI A TAPPETO”

“Prendiamo, ad esempio, l’ospedale di Brescia dove ci sono 6mila persone e la capacità di fare tamponi è di seicento al giorno: significherebbe che per dieci giorni andrebbero fatti tamponi solo all’interno dell’ospedale e si avrebbero solo gli altri 4 giorni di tempo per fare i tamponi ai pazienti” sottolinea Romaniello che aggiunge: “Senza dimenticare che in teoria, dopo due settimane, dovresti ricominciare a farli. Di fatto sarebbe impossibile. Considerarsi invece, pazienti covid asintomatici e positivi consente di non fare il tampone: se ti consideri già positivo continui a lavorare e sei protetto da ogni rischio di contagio”. Secondo il deputato pentastellato si tratta di un metodo efficace ed ha poco senso fare “tamponi a tappeto”: “Farsi il tampone oggi e risultare negativi non è una garanzia. Molto meglio usare il tampone solo per i sintomatici”. “Credo sia molto più importante investire su dispositivi di protezione individuali” sottolinea quindi il deputato dei 5Stelle impegnato in questi giorni a coadiuvare il lavoro con i fornitori per reperire attrezzature e strumentazioni che servono a ridurre i rischi di contagio “anche se – precisa – la politica e i ministeri coinvolti nell’emergenza coronavirus stanno facendo tanto. Tutto il governo sta dando il massimo a partire dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Tutta la maggioranza si sta muovendo nella giusta direzione e anche una parte dell’opposizione”.

ECCELLENZA CHE FA SCUOLA

“Il San Matteo – continua Romaniello – ha ben formato le persone all’utilizzo dei dispositivi di protezione individuali ed ha allestito in modo sicuro i laboratori: cosa che non va sottovalutata”. Il deputato grillino eletto in Lombardia ricorda poi che è proprio il San Matteo di Pavia insieme allo Spallanzani di Roma ad aver completato gli studi per l’approvazione di un test rapido per accertare se una persona sia o meno stata colpita da Coronavirus. Un test che svelerà il risultato in un’ora: “Anche questo è motivo di elogio e penso che anche l’Istituto Superiore di Sanità abbia attenzione per un ospedale che sta ben fronteggiando questa crisi”.

“Sono quotidianamente in contatto con gli Istituti più importanti del mio territorio – conclude Romaniello, in questi giorni impegnato per la ‘sua’ Lombardia duramente colpita dal virus – e so ad esempio che è iniziata oggi a Pavia la sperimentazione della somministrazione di plasma di soggetti guariti: un’equipe medica arrivata dalla Cina è qui per darci una mano – spiega Romaniello – la somministrazione di emoglobine immunizzate dovrebbe consentire alle persone che le ricevono di avere gli elementi per fronteggiare il coronavirus. E’ qualcosa di promettente e che ci lascia ben sperare. Quella del San Matteo di Pavia è davvero una gestione eccellente dell’emergenza, che può fare scuola e può essere di esempio anche in altri ospedali”.

Commenti

Commenti via Facebook

playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

Domenica 3 ore 10.30 la diretta della 4° Messa di Pasqua dalla chiesa di S.Calocero Medassino

RIVEDI LA SECONDA INTERVISTA AL SINDACO DI VOGHERA

RIVEDI L’intervista al Sindaco di Varzi Giovanni Palli

RIVEDI L’INTERVISTA A TERESIO NARDI (SLOW FOOD)

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di Voghera

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di codevilla

MESSE PASQUALI IN DIRETTA. L’INVITO DI DON GIANNI

MONS CAPTINI SPIEGA IL “PASS” PER LA MESSA (SOTTO CORONAVIRUS) DELL’ASCENSIONE 2020

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Altre Notizie in breve… via Twitter


Molini di Voghera

Fotografia Spazio53 Voghera

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

CONTATTI

NO ALLA VIVISEZIONE

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

Feste&Patroni e Vogheranews partner

Amici

Facebook

BRONI. Sabato tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi