VogheraNewsPavia

VOGHERA 18/11/2019: Comunicato preventivo del M5s. “Contro la diffamazione della nostra Manovra”

Novembre 18
09:41 2019

VOGHERA – Il deputato vogherese Cristian Romaniello del movimento 5 stelle ha emanato un Comunicato stampa sul tema della manovra economica attualmente in via di definizione da parte del governo “giallorosso”.

“La Lega, anche a livello territoriale, si sta apprestando a lanciare una campagna propagandista e diffamatoria contro la Manovra su cui stiamo lavorando. Sarebbe mio desiderio evitare un comunicato preventivo, ma sono al corrente di questa campagna, che non è opposizione, ma solo un ammasso di menzogne. Infatti, così come hanno raccontato una quantità sregolata di bugie, come la “tassa sulle merendine”, faranno lo stesso per le misure contenute nella legge di Bilancio, una delle più difficili di sempre, viste le clausole di salvaguardia (messe, peraltro, da Lega e Forza Italia ai tempi dell’ultimo Governo Berlusconi) dei quali hanno accuratamente evitato di assumere una qualsiasi responsabilità.

La verità è che in questa Manovra sterilizziamo l’incremento dell’IVA, disinnescandole summenzionate clausole di salvaguardia, e parlo di 23 miliardi di euro di tasse evitate che, altrimenti,avrebbero pesato sulle famiglie (tra i 600 e i 1200 euro all’anno a famiglia). Destiniamo, poi, 3 miliardi nel 2020 e 6 miliardi nel 2021 per la riduzione il cuneo lavoro, dando subito 500 euro all’anno in più in busta paga ad ogni lavoratore, che diventeranno 1200 il prossimo anno.

Questa sarà la Manovra delle famiglie, abbiamo infatti previsto 600 milioni in più per sostenere le famiglie con figli, rifinanziato il bonus bebè universale, fino a 1920 euro annui. Raddoppiamo il voucher per gli asili nido, portandolo a 3000 euro e aumentiamo il congedo parentale da 5 a 7 giorni.

Grazie a questa Manovra aumentiamo le risorse e togliamo una tassa insensata sulla Sanità in Italia. Infatti, stanziamo oltre 2 miliardi in più per il Fondo Sanitario Nazionale e aboliamo il superticket sanitario. Importante anche lo stanziamento di 550 milioni di euro per il fondo disabili.

Le principali misure di welfare della scorsa Manovra, che la Lega aveva detto avremmo tolto,sono tutte rifinanziate: il reddito di cittadinanza, quota 100, opzione donna e l’Ape social.

Altro tema centrale della Manovra sarà il Green new Deal, con oltre 10 miliardi in tre anni per investire nei settori verdi. Contemporaneamente,ci prendiamo cura del decoro della città e ponendo la cedolare secca al 10 per cento sugli affitti concordati in modo strutturale.

Tutto questo, senza chiedere nulla ai cittadini, a parte agli evasori fiscali che hanno creato veri sistemi criminali che portano via una quantità enorme di soldi alla collettività, e parliamo di chi evade oltre i 100mila euro di imposte, mancando quindi comunicazioni di centinaia o milioni di euro di introiti.

Le opposizioni puntano il dito contro la plastic tax, che disincentiva solo la plastica monouso e incentiva -mettendoci una montagna di soldi- la riconversione verso la produzione di imballaggi biodegradabili, compostabili o riciclabili. Peraltro, questa misura ha un enorme vantaggio: tra 2 anni la plastica monouso sarà bandita dall’Europa. Quindi, l’industria sarà costretta a riconvertirsi, senza alcun incentivo economico e in ritardo sui mercati. I nostri produttori sceglieranno imprese straniere per imballare i propri prodotti, e i nostri perderanno interi asset di mercato. Con gli incentivi predisposti in abbinamento alla plastic tax, invece, le imprese di imballaggi “non avranno a soffrire” (cit. Ministro Costa) economicamente, avvieranno la riconversione e tra 2 anni saranno in grado di raggiungere i mercati, non di subirli.

La Lega che, priva di ogni titolarità, oggi critica la miglior manovra possibile coi pochi margini disponibili, è la stessa che ha messo le clausole di salvaguardia quando era al governo con Berlusconi, le quali sono state maggiorate e posticipate da Renzi nel 2015, insieme alle accise sui carburanti. Sorrido, infatti, quando ci si erge a paladini anti-tax quando si hanno responsabilità storiche rilevanti.

Le clausole di salvaguardia sono tasse differite che fanno pagare il conto ad altri. La Lega è fuggita dalle proprie responsabilità, lasciando il Paese a rischio.

La verità è che siamo riusciti ad evitare un enorme danno per tutti, un danno che non si evita sui social, facendo selfie o alle sagre di paese. Il presenzialismo non evita le tasse.

La Lega si impegnerà attivamente nella presentazione di migliaia di inutili emendamenti, che serviranno solo a portare avanti un ostruzionismo insensato, il quale farà perdere tempo al Parlamento e punterà al superamento dei termini, così da far scattare l’esercizio finanziario provvisorio, cioè, l’aumento dell’IVA.

Non temete, non consentiremo loro di mettervi le mani in tasca e di scaricare su di noi la colpa, così come hanno scaricato le responsabilità delle clausole di salvaguardia” conclude l’Onorevole Romaniello Cristian.

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Centro Comm Montebello

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Altre Notizie in breve… via Twitter


Molini di Voghera

Fotografia Spazio53 Voghera

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

CONTATTI

NO ALLA VIVISEZIONE

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

Feste&Patroni e Vogheranews partner

Amici

Facebook

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

BRONI. Sabato tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi