VogheraNewsPavia

RIVANAZZANO 03/07/2019: Indiana portata in Italia e segregata in casa in Oltrepo. La famiglia non voleva che frequentasse il fidanzato

Luglio 03
09:00 2019

carab rivanazzano sequestro indiana 600 RIVANAZZANO

Era arrivata da Malta, luogo in cui lavora come infermiera, ed era stata condotta in Oltrepo pavese per evitare che frequentasse il fidanzato.

Così una ragazza indiana di 27 anni è stata segregata in casa dalla famiglia, che si opponeva fortemente alla relazione fra i due giovani, connazionali.

La gravissima vicenda è accaduta a Rivanazzano Terme, dove i militari della locale Stazione Carabinieri il 30 giugno scorso sono riusciti a liberarla.

Le indagini, fulminee data la delicatezza del caso (di fatto durate circa 204 ore), e i successivi accertamenti, avrebbero permesso di appurare che i genitori, giunti appositamente dall’India, avrebbero teso una vera e propria trappola alla figlia.

Con la scusa di riunirsi e fare vista al fratello, già abitante nel comune termale dell’Oltrepo, padre e madre, insieme al figlio maschio, avrebbero di fatto sequestrato la giovane.

Una volta arrivati nell’abitazione del figlio (un 32enne regolarmente residente e occupato), nella periferia di Rivanazzano, avrebbero privato la ragazza dei documenti personali e del telefono cellulare, non permettendole di uscire, se non accompagnata.

L’obiettivo della famiglia era quello di farle dimenticare il fidanzato. Obiettivo perseguito attraverso pressioni psicologiche (non si hanno notizie di violenze fisiche), ma anche portando la giovane da santoni indiani, residenti ora a Milano ora a Genova.

La vicenda si è dipanata nel corso dell’ultimo mese. Arrivata il primo di giugno, la ragazza solo a fine giugno, grazie al telefono cellulare del padre lasciato incustodito per qualche minuto, è riuscita a inviare un messaggio al fidanzato indiano, abitante a Malta, scrivendogli che era in Italia a Rivanazzano Terme e che era rinchiusa.

Il fidanzato, così, giunto in Italia il 29 del mese scorso, ha chiesto aiuto ai Carabinieri della Stazione di Rivanazzano Terme, che, avviate immediatamente le indagini, tramite la conoscenza del territorio, e sondando alcuni indiani del territorio – ma soprattutto consci della delicatezza e della potenziale pericolosità della situazione – hanno individuato l’appartamento in cui la 27enne era rinchiusa e finalmente l’hanno liberata.

Il blitz, nella zona fra Salice e Rivanazzano, è stato fatto domenica mattina, senza che vi fosse resistenza da parte dei genitori né del fratello (rimasti quasi stupiti dall’arrivo delle forze dell’ordine).

La ragazza, tornata in libertà, ha potuto riunirsi col fidanzato in una località riservata e a breve ritornerà a Malta.

Il padre K. V. J., la madre T. M. S. e il fratello J. J. della malcapitata, sono stati denunciati (e ora sono in libertà) alla Procura della Repubblica di Pavia per “sequestro di persona e violenza privata”.

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

NO ALLA VIVISEZIONE

Molini di Voghera

ALLE 10.30 LA DIRETTA DAL DUOMO DI VOGHERA DELLA MESSA DI DON DANIELE LOTTARI

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

CONTATTI

Altre Notizie in breve… via Twitter


playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Fotografia Spazio53 Voghera

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Amici

Facebook

Luglio: 2019
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

SALICE. Domenica 5 settembre tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi

NO AI RIFIUTI IN STRADA. USA I CASSONETTI . USA LA TESSERA ASM