VogheraNewsPavia

VOGHERA 06/05/2019: “Insegnare libertà”. Presentato in Biblioteca il libro di Massimo Castoldi

Maggio 06
08:06 2019

VOGHERA – A pochi giorni di distanza dall’anniversario della Liberazione grande partecipazione alla presentazione, promossa da Anpi e Fivl, del testo “Insegnare libertà”che racconta della lunga e tenace battaglia condotta da maestre e maestri antifascisti, negli anni della violenza squadrista e successivamente all’interno delle scuole durante il regime.

Corrado Stajano sul Corriere della Sera lo ha definito “Un libro amaro, doloroso, commovente, utile a far capire perché quel passato deve davvero passare per sempre, soprattutto oggi che il fascismo sembra venga guardato con indulgenza…

E’ una pagina oscurata – come afferma l’autore, Massimo Castoldi – sulla quale è importante approfondire la ricerca e la conoscenza.

I 12 maestri ricordati sono figure con età, storie, culture e appartenenze politiche diverse ma che hanno in comune il rifiuto di piegarsi ad un ruolo di semplici funzionari/propagandisti del regime.

Sono 8 uomini e 4 donne che, tra l’altro, si espongono in modo più netto pagando duramente.

Le storie di questi maestri sono costellate di violenze, repressione, licenziamenti, arresti, fino alla morte: sono cinque i maestri ricordati nel libro che verranno uccisi dai fascisti – tra il ’21 e il ’26 il socialista Cammeo, l’altoatesino Innerhofer, il popolare Cessi, mentre il socialista Principato è tra i 15 partigiani fucilati a Pizzale Loreto dagli sgherri della “Muti” il 10 agosto 1944 e la cattolica Anna Botto muore a Ravensbruck.

Alcune figure ricordate nel libro interessano la nostra provincia: Fabio Maffi (S. Zenone Po) quasi sessantenne alla nascita del fascismo non rinuncia ad opporsi e Aurelio Castoldi (Pavia) militante socialista, scrive su “La Plebe” dal ’19 al ‘24, aggredito e costretto a bere l’olio di ricino dai fascisti, il fratello è presente all’assassinio di Ferruccio Ghinaglia, scriverà testi teatrali per l’infanzia. Entrambi legati dall’attività nella produzione del Dizionario enciclopedico moderno e dell’Enciclopedia del ragazzo italiano. Infine Anna Botto, alessandrina di nascita, insegna in diverse sedi, fino ad arrivare a Vigevano nell’ottobre ’40. Dopo l’8 settembre ha alle spalle 27 anni di scuola e 47 anni: sceglie la Resistenza con immediatezza. Scrive l’epitaffio per Giovanni Leoni (primo fucilato per rappresaglia nell’ottobre ’43) e porta i suoi alunni alla messa in suffragio del partigiano Carlo Alberto Crespi (fucilato a Varallo). Arrestata a scuola viene deportata e uccisa a Ravensbruck

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Molini di Voghera

NO ALLA VIVISEZIONE

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

Fotografia Spazio53 Voghera

Altre Notizie in breve… via Twitter


CONTATTI

playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Amici

Facebook

Maggio: 2019
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

STRADELLA. Sabato 19 tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi

ELEZIONI: SIMONA VIRGILIO PER GARLASCHELLI SINDACO