VogheraNewsPavia

VARZI 06/02/2019: Anche il Oltrepo si potranno cacciare i selvatici con arco e frecce. Lo ha deciso la Regione

Febbraio 06
15:53 2019

VARZI – Per chi l’ha votata un buon metodo per contenere la fauna selvatica. Per altri solo l’ennesima inutile crudeltà perpetra ai danni di animali, puniti per la sola colpa di essere diventati (spesso per colpa dell’uomo) troppi.

Stiamo parlando della decisione della Regione Lombardia di consentire l’utilizzo dell’arco “come strumento per attuare la selezione’ degli animali selvatici. Una disposizione che varrà anche per le zone di caccia in Oltrepo pavese.

La mozione era stata stata presentata ieri in Consiglio regionale da Barbara Mazzali e Paolo Ghiroldi, consiglieri di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia.

La mozione è stata approvata oggi

Spiega la consigliera, “Lo spunto è stato il contenimento del cinghiale, che ormai sta creando danni gravissimi in Lombardia”.

Il provvedimento è stato votato per parti separate su richiesta del Pd, che ha espresso voto contrario proprio sul punto riguardante l’uso dell’arco. Al centrosinistra manca evidentemente la conoscenza di questo strumento, che non solo è un mezzo di caccia da migliaia di anni, ma è anche una disciplina che insegna il rigore e l’attenzione”, dichiara ancora Barbara Mazzali.

“Non è una caccia per praticanti improvvisati – spiega bene Luca Marchi, referente di Urca, Gestione fauna e ambiente -. La formazione è pesante e rigorosa, con esami teorici e pratici: ottenere l’abilitazione è impegnativo e richiede mesi se non anni. La Federazione Europea di riferimento promulga linee-guida che tendono ad uniformare una preparazione omogenea e di alto livello. Le attività condotte in Europa, a seguito dell’enorme seguito che la caccia con l’arco ha in USA (dove gli abbattimenti con arco di cervi hanno superato in numero quelli eseguiti con carabina), hanno confermato che l’efficacia di arco e frecce è assolutamente paragonabile a quella delle armi da fuoco, e la letalità e la sicurezza del tiro è garantita dalla brevissima distanza di ingaggio (nell’ordine dei 20 metri). La credenza secondo la quale si procurano feriti, è stata sempre sfatata. Sempre più paesi in Europa stanno constatando un aumento dei cacciatori con l’arco, con al primo posto la Francia ove si contano oltre 10.000 licenze specifiche rilasciate. Una consolidata esperienza, condotta da decenni anche in Africa, ha dimostrato che una sola freccia ben piazzata è in grado di abbattere in pochi istanti qualunque animale, senza limiti di peso (a condizione che il cacciatore sia in grado di gestire l’attrezzatura).

In Italia, nelle zone dove la caccia di selezione con l’arco è regolamentata, gli arcieri vantano abbattimenti in linea con i piani previsti dalle regioni. Il convegno “Arco nel Parco”, tenuto nel 2012 (Atti disponibili) ha sancito l’approvazione dell’arco da parte di importanti autorità, quali ISPRA e Federparchi, che ne hanno auspicato l’utilizzo anche all’interno delle aree protette, ove necessario contenere il numero di determinate specie, in virtù anche della nulla invasività, grazie all’assenza di rumore e a una tecnica di caccia discreta che in nessun modo disturba l’ambiente al momento del prelievo: non si usano cani, non c’è sparo, non si batte il bosco”

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Altre Notizie in breve… via Twitter


Molini di Voghera

Fotografia Spazio53 Voghera

Soccorso Gambini Casteggio

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

CONTATTI

NO ALLA VIVISEZIONE

annunci

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

Feste&Patroni e Vogheranews partner

Amici

Facebook

Febbraio: 2019
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  

Centro Comm Montebello

Arrivano gli Ambulanti di Forte dei Marmi