VogheraNewsPavia

PAVIA VOGHERA 21/11/2017: Varato il Regolamento Regionale. Presto anche negli ospedali della provincia di Pavia gli animali potranno far visita ai pazienti

Novembre 21
13:47 2017

PAVIA VOGHERAPresto anche negli ospedali della provincia di Pavia potranno entrare anche gli animali.

Ciò porta avvenire grazie ad un regolamento appena varato dalla Regione in cui vengono fissati i criteri per l’ingresso nelle strutture ospedaliere degli animali d’affezione.

IL REGOLAMENTO REGIONALE –

Il documento della Lombardia stabilisce che “Possono accedere i cani identificati e iscritti all’anagrafe degli animali d’affezione, regionale o nazionale che devono essere condotti a guinzaglio della lunghezza massima di 1,5 metri e avere al seguito la museruola.”

Per i gatti e i conigli, invece “devono essere alloggiati nell’apposito trasportino, almeno fino al momento della visita al paziente o all’ospite (se liberati, devono essere adottati accorgimenti idonei ad evitare la fuga.”

ALTRE REGOLE

I conduttori, in particolare, “devono essere maggiorenni e in grado avere il pieno controllo dell’animale, munirsi di strumenti idonei alla raccolta e rimozione di eventuali deiezioni e perdite di pelo, portare al seguito documentazione sanitaria, quale il libretto sanitario oppure un certificato sanitario di buona salute e, per i cani, il certificato d’iscrizione all’anagrafe, attestante che l’animale e’ stato sottoposto a periodico controllo veterinario nei dodici mesi precedenti.

I conduttori devono poi “pulire e spazzolare l’animale prima della visita, portare con se’ un prodotto per la sanificazione delle mani, osservare, in generale, la massima cura affinchè l’animale non sporchi o crei disturbo o danno alcuno, in particolare nel caso di animali non sterilizzati.”

Quanto agli ospedali “E’ facoltà delle strutture sanitarie – recita ancora il regolamento – individuare reparti o zone in cui vietare l’introduzione di animali o richiedere particolari accertamenti clinico-diagnostici sugli animali stessi ai fini del loro accesso.”

REGOLAMENTI DELLE ASST –

A quello della Regione si aggiungono poi quelli delle ASST, che devono entrare più nello specifico, indicando: l’elenco delle specie animali ammesse; l’ambito di applicazione (viene codificato in modo puntuale le strutture a cui possono accedere gli animali domestici, che generalmente escludono le terapie intensive, la chirurgia e le emergenza); le regole di accesso (deve essere formalizzata una richiesta scritta specificando la tipologia di animale i luoghi e orari di accesso (vengono definiti i luoghi e gli orari in cui è possibile far permanere l’animale nella struttura di degenza, con relativa durata); i requisiti degli animali (come previsto dal Regolamento regionale); nonché le regole di comportamento durante la visita; le azioni da adottare per la sanificazione dei locali e delle attrezzature in seguito alla permanenza dell’animale.

Le ASST possono inoltre prevedere il consenso da parte dei pazienti che condividono i locali con il malato che riceve la visita dell’animale.

Le ASST devono quindi predisporre la modulistica necessaria per la richiesta di autorizzazione e l’idoneità veterinaria per l’accesso degli animali alla struttura ospedaliera.

L’ASSESSORE REGIONALE

“Con il Regolamento abbiamo individuato i criteri per l’accesso di animali d’affezione alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate, fornendo una risposta alle richieste di numerosi pazienti. Siamo convinti che consentire ai pazienti di ricevere le visite del proprio animale d’affezione abbia un valore terapeutico straordinario e ringrazio l’associazione ‘Amo gli animali onlus’ per la realizzazione dello spot che sensibilizzerà anche altre Regioni a seguire l’esempio della Lombardia”.
Questa la dichiarazione dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso della conferenza stampa di presentazione del Regolamento.

LO SPOT

Quanto allo spot, è stato realizzato dall’associazione ‘Amo gli animali onlus’, al Niguarda.
Il presidente dell’associazione ‘Amici degli Animali Onlus’ , il veterinario Mauro Cervia, in conferenza ha spiegato che è stata proprio l’esperienza di Lavinia – realmente paziente di una struttura ospedaliera e protagonista dello spot insieme all’attore Gabriele Cirilli, e l’amicizia di Edoardo Stoppa, da sempre impegnato in difesa degli animali attraverso la sua attività di inviato di ‘Striscia la Notizia’ – a spingerlo a realizzare una campagna di sensibilizzazione perchè anche nelle altre Regioni italiane si approvi un regolamento che consenta agli animali domestici l’ingresso negli ospedali.

E A PAVIA?

l’Asst di Pavia predisporrà il regolamento interno entro il 31/12/2017-
IL VIDEO 

La compagnia del tuo cucciolo, la cura più bella – 45" from Enrico Carazzato on Vimeo.

Commenti

Commenti via Facebook

playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

RIVEDI LA SECONDA INTERVISTA AL SINDACO DI VOGHERA

RIVEDI L’intervista al Sindaco di Varzi Giovanni Palli

RIVEDI L’INTERVISTA A TERESIO NARDI (SLOW FOOD)

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di Voghera

RIVEDI L’intervista in diretta al sindaco di codevilla

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Altre Notizie in breve… via Twitter


Molini di Voghera

Fotografia Spazio53 Voghera

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

CONTATTI

NO ALLA VIVISEZIONE

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

Feste&Patroni e Vogheranews partner

Amici

Facebook

Novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

BRONI. Sabato tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi