VogheraNewsPavia

VOGHERA 01/04/2016: Il Commissario prefettizio ha varato il Bilancio. Tutti i segreti del documento di previsione per l’anno 2016 firmato da Sergio Pomponio

Aprile 01
11:41 2016

VOGHERA Il commissario prefettizio in seduta pubblica nell’aula del consiglio di Palazzo Gounela ieri ha presentato e approvato il Bilancio di Previsione del Comune di Voghera per il triennio 2016/2018.

Il commissario, arrivato in città su disposizione del Tar nell’ambito della decisione di far ripetere il ballottaggio del 2015, ha di fatto confermato la linea della cautela e dell’austerità annunciata sin dal suo arrivo il 24 febbraio scorso.

Sergio Pomponio ha dunque dato vita ad un documento seguendo la “rigorosa applicazione normativa e considerando sia le esigenze ed i bisogni della collettività comunale, che la necessità di mantenimento degli equilibri di bilancio”.

Nel farlo Sergio Pomponio ha tenuto conto anche “del ricorso pendente avanti al TAR Lombardia a seguito dell’impugnazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze delle delibere consiliari aventi ad oggetto la determinazione di aliquote e tariffe tributarie da applicare dal 2015, approvate il 7 agosto, oltre il termine legislativamente previsto, ma prima dell’approvazione del bilancio”.

Per questo il commissario, oltre ad applicare ancora le tariffe calcolate dalla Giunta Barbieri, ha “provveduto all’accantonamento di un fondo (di circa 800mila euro ndr) a copertura del rischio di un eventuale annullamento da parte del TAR per ciascuno degli esercizi 2016/2018, di importo pari alla maggiore entrata derivante dai corrispondenti incrementi impositivi”.

Per questo motivo, e per le pesanti diminuzioni dei trasferimenti dallo Stato e dalla Regione (per un totale di circa 800mila euro) il Bilancio di Pomponio è ricco di tagli, fatti seguendo 3 criteri principali. Primo, la “non sostituzione del personale cessato nel 2015”. Secondo, la “proporzionale riduzione delle risorse assegnate ai diversi settori comunali”. Terzo, la “razionalizzazione di alcune spese legate ai costi di funzionamento degli edifici comunali istituzionali e la rideterminazione delle spese destinate all’organizzazione di eventi e manifestazioni”.

Pomponio nell’annunciare i tagli ha però precisato di aver posto una “specifica attenzione alla sicurezza e all’ambito sociale, inteso come ogni intervento destinato a sostenere tutte le forma di fragilità sociale ed economica, privilegiando gli aspetti di maggiore criticità ed urgenza”.

Quanto ai numeri: le entrate nel 2016 saranno 80,5 milioni di euro, a fronte degli 86 del 2015 (di cui 28,8 mil da tributi e 8,9 milioni dalle farmacie); che sono simili alle spese: 80,5 milioni di euro (di cui 10 Mil per il personale).

Un occhio di riguardo dunque del commissario per il settore sociale e la sicurezza.

In particolare, per il sociale, la spesa resterà sostanzialmente invariata (circa 5,2 milioni di euro nel 2016) insieme ai suoi servizi rivolti ad anziani, minori, disabilità e povertà.

Mentre per la sicurezza, Pomponio ha individuato alcuni interventi per i quali sarà possibile programmare l’avvio nel I semestre del 2016 (Il dosso di strada Valle in prossimità dell’asilo Valle; il completamento della banchina di via Maiola civ. 12; e l’incarico per la verifica idraulica dei ponti di Via Piacenza e del Ponte Rosso).

Altre spese che si potranno fare nel 2016 sono quelle per la “ristrutturazione del piano terra dell’edificio di p.zza C. Battisti”; per “l’ampliamento della capacità del Palazzetto; per l’illuminazione pubblica e per la Manutenzione straordinaria reticolo idrico minore”.

I tema di manifestazioni sono confermati i tagli agli spettacoli e all’area espositiva nell’ex caserma per la Fiera dell’Ascensione (mentre saranno garantiti 3 appuntamenti, rispetto ai 5 del 2015, per i Giovedì di Sera).

Ancora in tema di eventi il commissario ha concesso contributi all’ANPI e al Premio di Poesia per € 6.200; per le Forme dell’anima € 2.000; e per il concerto di Natale 2016 € 2.000; inoltre ha quantificato come “Risorse disponibili per ulteriori iniziative” la cifra di € 42.000 prestazione e la cifra di € 31.650 per i contributi.

Capitolo critico infine quello dell’Istruzione.

Prima grana, il pre e post scuola, che, raccogliendo i sentimenti delle parti (genitori e insegnanti), il Commissario non ha esitato a definire “una schifezza”, e che quindi (mantenendo la decisione dell’amministrazione) andrà avanti fino alla fine dell’anno scolastico ma non sarà rifinanziato (anche se il Commissario ha lasciato aperta l’ipotesi di contributi dati ai privati che volessero svolgere tale servizio).

La seconda grana è quella degli asili, non sono adeguatamente dimensionati per l’utenza effettiva: “due (Gavina e Pombio) sono troppi, uno è troppo poco” ha detto Pomponio, che per questo ha invitato ad una riflessione generale al fine di trovare una soluzione e sulla quale entro due mesi dovrebbe arrivare una nuova soluzione.

 

 

Commenti

Commenti via Facebook

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

NO ALLA VIVISEZIONE

Fotografia Spazio53 Voghera

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

CONTATTI

Altre Notizie in breve… via Twitter


Molini di Voghera

farmacie voghera

SALICE. Domenica 11 settembre gli Ambulanti di Forte dei Marmi

playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

GUARDA I NOSTRI VIDEO

Amici

Facebook

Aprile 2016
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina