VogheraNewsPavia

RETORBIDO 22/04/2015: Pirolisi. La Regione frena. “Nessun sì all’impianto è stato detto”. E sul superamento dei motivi ostativi alla localizzazione dell’impianto dice. “E’ un aspetto preliminare e propedeutico allo svolgimento delle istruttorie tecniche”

Aprile 22
19:22 2015

RETORBIDO – “Nessun sì all’impianto dalla Regione. Terminata la verifica delle condizioni minime di procedibilità del progetto, si avvia la fase di verifica ambientale”.  Così ha dichiartato oggi l’assessorato all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia, a seguito delle notizie emerse ieri circa il “superamento dei motivi ostativi alla localizzazione dell’impianto di pirolisi”, che una società di Milano intende realizzare a Retorbido.

PRECISAZIONI NECESSARIE

La Regione non smentisce il “superamento” ma fa alcune precisazioni al fine di dare “una corretta conoscenza della questione”.

La Regione precisa che “non è stata ancora effettuata alcuna valutazione di merito di tutte le componenti ‘investite’ dalle procedure VIA e AIA”.

“In realtà quello che viene definito ‘primo ok regionale’ è relativo esclusivamente alla valutazione degli elementi ostativi AIA”, spiega il Pirellone.

GLI ELEMENTI OSTATIVI

“Tali elementi ostativi – recita la nota della Regione – sono stati rilevati dall’autorità competente AIA e sono stati evidenziati al proponente successivamente alla prima conferenza istruttoria. A fronte della comunicazione, il proponente ha controdedotto e modificato il perimetro dell’impianto al fine della risoluzione dei motivi ostativi evidenziati”. E ancora “Le modifiche apportate dal proponente nei fatti consta effettivamente nello spostamento della recinzione dell’impianto al
fine di rispettare le distanze dal torrente Rile e per escludere le aree a destinazione agricola. Lo spostamento della recinzione ha reso necessario, per problemi di distanza, anche lo spostamento del gasometro”.

SUPERAMENTO DEGLI ELEMENTI OSTATIVI

“Il riavvio della procedura quindi è stato esclusivamente formulato dall’autorità competente AIA in relazione al superamento degli elementi ostativi evidenziati con il 10 bis – chiarisce ancora la nota
-.La tempistica istruttoria riparte da zero. Solo ora i tecnici entreranno nel merito del progetto, passando per le diverse fasi delle procedure stesse: richieste integrazioni, acquisizione pareri enti e commissione VIA, valutazione osservazioni pervenute, formulazione delle valutazioni VIA e AIA”.

NESSUN SÌ, MA SOLO UN ASPETTO PRELIMINARE

“La sola elencazione delle diverse fasi ancora da condurre  – conclude la nota – evidenzia dunque come quello che è stato definito un ‘sì della Regione’ non sia che un aspetto preliminare e propedeutico allo svolgimento delle istruttorie tecniche”.

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

Molini di Voghera

NO ALLA VIVISEZIONE

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

Fotografia Spazio53 Voghera

Altre Notizie in breve… via Twitter


CONTATTI

playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Amici

Facebook

Aprile: 2015
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

STRADELLA. Sabato 19 tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi

ELEZIONI: SIMONA VIRGILIO PER GARLASCHELLI SINDACO