VogheraNewsPavia

VOGHERA 24/04/2012: Altissima qualità e l’invenzione di un nuovo prodotto. Così un’azienda oltrepadana mette in scacco la crisi economica

Aprile 24
10:37 2012

molini di vogheraVOGHERA – Innovare e puntare sulla qualità per battere la crisi. Produrre con materia prima del luogo andando così a rafforzare l’economia locale. E’ questo il merito di un progetto, oramai divenuto realtà, lanciato da  un’azienda vogherese. Per capire di cosa si tratti bisogna pensare a cosa significa mangiare Pane fresco pizze e focacce fatte con solo grano coltivato nei campi del territorio, prodotto cioè da agricoltori di cui si conosce nome, cognome e indirizzo.

Il sogno dei tanti che in un mondo sempre più globalizzato e spersonalizzato desiderano alimenti “vicini”, di qualità e “tracciati” è diventato dunque realtà. La sfida è stata lanciata… e vinta, da una delle attività produttive più significative dell’Oltrepo pavese, i “Molini di Voghera”, che si sono letteralmente inventati un grano tenero non solo italiano al 100% ma totalmente coltivato in Oltrepo Pavese e nel vicino Basso Piemonte. “L’idea  nella nostra testa è nata diversi anni fa – spiega Davide Rezzoli, responsabile della produzione, che però preferisce essere definito “Mugnaio” -, quando abbiamo realizzato che per elevare ancor di più la qualità della nostra farina sarebbe stato necessario utilizzare non più grani provenienti da  luoghi lontani e sconosciuti: Austria, Germania, Canada, Kazakistan ecc, ma grani prodotti soltanto nella nostra zona”.

Lentamente quell’idea è stata sviluppata, e alla fine realizzata, per uno dei tipi di farina prodotti dai Molini: quella destinata alla produzione di pane fresco, focaccia e pizza. “Il passo decisivo – prosegue Rezzoli – lo abbiamo fatto quando non abbiamo più rinnovato il contratto d’importazione della materia prima con l’Austria, e soprattutto quando è stata completata la nuova area di stoccaggio delle granaglie interna al Mulino. Grazie alla versatilità di questa struttura siamo stati in grado non solo di conservare ma di miscelare in modo preciso le 10 tipologie di grano scelte per  realizzare il progetto conferiteci dai circa 130 agricoltori nostri fornitori”.

In un periodo in cui le coltivazioni si contraggono o vengono riconvertite in altre per produrre energia, il progetto dei Molini di Voghera va contro corrente generando anche significative ricadute “culturali” sul comparto agricolo tradizionale locale.

“Abbiamo contadini che ci raccomandano di usare il loro grano per fare questo particolare tipo di farina – sottolinea Davide Rezzoli -. Così come ci sono agricoltori, nostri fornitori, che hanno recuperato il vero piacere di coltivare: in quanto ora sanno dove va finire il risultato del loro lavoro”.

Una ricaduta culturale che potrebbe far bene pure all’economia della zona.

“Con questa iniziativa – aggiunge il responsabile dello stabilimento di Strada Retorbido 18 – stiamo dando uno sbocco concreto, un aiuto vero, agli agricoltori locali. L’area in cui operiamo infatti ha tutto quello che deve avere per essere un’ottima zona produttiva: abbiamo il terreno buono, abbiamo gli agricoltori giusti, e abbiamo anche il necessario Know how… è perciò corretto, anche attraverso iniziative come la nostra,  incentivare, quando non ampliare, l’agricoltura locale”.

monilni di vogheraAltri pregi di un progetto di cui si hanno pochi eguali  in Italia, sono in termini di qualità e sicurezza degli alimenti. “Giustamente anche in Italia si parla di tracciabilità – spiega Rezzoli – con questa filosofia, rivolta alle materie prime reperite in loco, siamo in grado di sapere ciò che stiamo facendo in ogni momento del processo produttivo. La tracciabilità insomma, in questo modo  è totale e completa”.

Dopo un periodo di sperimentazione, il progetto dei Molini di Voghera come detto è entrato a pieno regime, ed è guardato con interesse nell’ambito dell’intera filiera del settore. “L’obiettivo ora è di estenderne la diffusione in panetterie, pizzerie e centri di vendita – conclude il Mugnaio. Nel frattempo lavoriamo per realizzare nuove tipologie di questa farina tutta locale da dedicare a produzioni diverse dal pane”. Nuove tipologie di farina che potrebbero significare più produzione di grano in zona, e perciò più lavoro in tempi di crisi.

Commenti

Commenti via Facebook

Mafarka! Il primo panino oltrepadano “certificato”. Salame Varzi Peperone Stafforella. Al Bar Trai2

AUTORIPARAZIONI AUTOSOCCORSO “GIARDINA” VOGHERA

ASM: La NOSTRA Farmacia è la TUA Farmacia

NO ALLA VIVISEZIONE

Molini di Voghera

ALLE 10.30 LA DIRETTA DAL DUOMO DI VOGHERA DELLA MESSA DI DON DANIELE LOTTARI

Avis Donare il sangue è segno di civiltà

Spazio offerto dalla ditta Immac di Codevilla

CONTATTI

Altre Notizie in breve… via Twitter


playlist messe di pasqua a voghera durante il coronavirus

VogheraNews.it partner di RetewebItalia

Fotografia Spazio53 Voghera

GUARDA I NOSTRI VIDEO

farmacie voghera

ANNUNCI: Autoriparazioni Giardina

Amici

Facebook

Aprile: 2012
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

SALICE. Domenica 5 settembre tornano gli Ambulanti di Forte dei Marmi

NO AI RIFIUTI IN STRADA. USA I CASSONETTI . USA LA TESSERA ASM