VOGHERA 06/12/2017: Carabinieri iriensi arrestano noti imprenditori lomellini. I presunti reati sono estorsione, incendio ed autoriciclaggio

VOGHERA – A conclusione di articolata attività di indagine, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Voghera , sotto la direzione investigativa della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia, nella persona del Sost.Pubblico Ministero Dott. Paolo Mazza, hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di due noti imprenditori della Lomellina e di un professionista ad essi collegato.

Ad essere condotti in carcere sono stati:

Jacellari Armelin, 45enne di origine albanese ma da anni radicato in Italia, noto nella zona con lo pseudonimo “Lino”, imprenditore del settore edile e carpenteria, di fatto proprietario di alcuni esercizi pubblici in Provincia di Pavia tra cui “La bottega dei Sapori” di Pieve del Cairo.

Campanini Giuseppe, imprenditore 45 enne alessandrino con interessi in Provincia di Pavia, titolare dell’azienda già oggetto di fallimento CO.ME.C.F. nota nel settore della carpenteria metallica.

E Russello Luigi, 51enne professionista geometra, legato a JACELLARI Armelin nell’ambito della sua attività edilizia.

I reati contestati spaziano dall’estorsione ai danni di altri imprenditori operanti sul territorio, all’autoriciclaggio, all’intestazione fittizia di aziende, a furti, al falso in atto pubblico finalizzata alla elusione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

In particolare, Jacellari Armelin nel periodo aprile/giugno 2017, in concorso con i suoi collaboratori, avrebbe posto in essere atti intimidatori ed ritorsivi contro il patrimonio e la persona, nei confronti della ditta Eurofal Trading s.r.l. e dei suoi Amministratori.

Questi soggetti sono ritenuti responsabili dagli inquirenti, a vario titolo, dell’incendio doloso appiccato in un piazzale di una Ditta di Ferrera Erbognone, ormai fallita, nel mese di aprile 2017 ( quando furono danneggiate circa 30 autovetture di cui una decina completamente distrutte dalle fiamme, per un danno di centinaia di migliaia di euro, 150-200mila euro).

I presunti responsabili, avrebbero anche commesso una serie di furti di attrezzatura per la lavorazione della carpenteria pesante, sempre ai danni della medesima azienda.

Nel corso delle indagini sarebbero stati raccolti elementi di reato sull’auto riciclaggio e sulla intestazione fittizia della Società Tecnology s.r.l., favorita da alcuni soggetti, riconducibili in egual modo al medesimo Jacellari, e la partecipazione di questi al ripulire quel denaro provento delle presunte attività delittuose finora menzionate.

Le attività tecniche effettuate dai carabinieri (intercettazione telefoniche) avrebbero permesso di ascrivere agli arrestati anche il reato di falso ex art. 479 c.p., per aver sistematicamente declassato infortuni sul lavoro avvenuti all’interno delle attività imprenditoriali dagli stessi gestite, in semplici infortuni domestici, esercitando un sorta di pressione sui malcapitati promettendo loro di essere retribuiti, con lo stipendio intero, anche se di fatto in malattia.

Dalle intercettazioni sarebbe emerso come Jacellari, millantasse addirittura la sua influenza sulle Amministrazioni Comunali locali come il Sindaco di Pieve del Cairo, quasi a voler sottolineare la forza della propria reputazione.

Tra gli indagati nel procedimento penale e formalmente deferiti all’A.G. figurano altri 9 (nove) soggetti, tra imprenditori e operai dell’area lomellina, tutti responsabili a vario titolo di reati di furto e falso in atto pubblico.

Ora gli inquirenti sperano che con questa operazione altri imprenditori prendano coraggio per segnalare o denunciare all’Arma le condotte illegali che possano aver subito dagli stessi soggetti (oggi arrestati) o da altri malviventi che operano nella medesima area lomellina.

Gli arrestati, come disposto dal Gip, sono stati associati alla Casa Circondariale di Pavia e nei prossimi giorni saranno interrogati dal GIP Fabio Lambertucci che ha emesso le ordinanze restrittive.

 

 

Commenti

Commenti via Facebook