VOGHERA 05/12/2017: La storia di Faras Baccouche, Campione di arti marziali che cerca fortuna in Italia e… a Voghera

VOGHERA – La città di Voghera si candida a diventare nuova patria di un campione mondiale. Si tratta di Faras Baccouche, 25enne tunisino, pluri medagliato nelle arti marziali (Kick boxing ma non solo) e nella tecnica di “rottura” delle lastre di granito.

Il giovane da circa un mese è nella città iriense, ospite dello zio Taouik Ouej, dove spera di radicarsi. Baccouche, in città, vive e pratica gli sport che gli stanno dando tante soddisfazioni… ed è anche alla ricerca di un lavoro.

Il 25enne si allena nella palestra di arti marziali di via Sturla (è molto abile anche nello judo e nella lotta a terra) ed è seguito dal Centro di Medicina dello Sport dell’Università di Scienze Motorie dell’università di Pavia, succursale di Voghera.

In giornata l’atleta è stato visitato presso l’ospedale cittadino per poter avere l’abilitazione sanitaria alla sua prossima gara, i mondiali di Kick boxing che si terranno a Firenze, dall’8 al 10 dicembre.

Faras Baccouche è stato visitato dai neurologi Massimo Sciarretta e Carlo dall’Occhio e dal primario di Oculistica Gianluigi Bolognesi, insieme alla dottoressa Laura Lanza.

Baccouche era accompagnato da Giuseppe D’Antona, responsabile del Centro di Medicina dello Sport dell’Università iriense. Il giovane è stato accolto anche dal responsabile della comunicazione dell’Asst di Pavia Angelo Marioni.

“Mi piace stare stare qui a Voghera – ha detto Faras -. Ho trovato tante brave persone che mi stanno aiutano nella mia attività sportiva. Spero anche di trovare un’occupazione per potermi fare un vita in Italia (dopo aver lavorato per 2 anni in Sicilia, come coltivatore, attualmente Faras è aiutato dallo zio, operaio, anche lui però in difficoltà per la grave crisi che ha colpito il settore dell’asfaltatura delle strade ndr)”.

Faras fa parte di una famiglia di immigrati dal nord Africa che si è ben inserita in Italia. La cugina, figlia dello zio Taouik Ouej, si è laureata all’Università di Pavia e dopo alcun anni di attività in una farmacia di Voghera ha trovato lavoro nella sua patria d’origine, dove attualmente vive.

A Faras Baccouche il Governo tunisino aveva promesso un aiuto economico ma solo una parte del denaro gli è stato dato.

Piccole grandi amarezze alleviate un po’ da una brillante carriera nelle arti marziali: campione del Mondo di Full Contact nel 2014; due titoli mondiali, nel Kick Boxing K1 e nella Tecnica di Rottura nel 2015, mondiale di Kick Boxing e di Kick Boxing K1 nel 2016 in Portogallo.

 

 

Commenti

Commenti via Facebook