TORRAZZA COSTE 11/10/2017: Artificieri in azione (FOTO & VIDEO). Il Genio Cremona ha fatto esplodere un proiettile anticarro. L’ordigno proveniva da un’abitazione oltrepadana in cui sono già state trovate altre bombe

TORRAZZA COSTE – L’hanno fatta esplodere questa mattina all’intero della cava che sorge lungo via Emilia, di fronte a Rega impianti. Hanno provocato una doppia esplosione, la prima con cui è stato “aperto” l’involucro; la seconda con cui è stata distrutta la carica esplosiva in essa contenuta.

Ad operare è stato un team del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona, arrivato a Torrazza Coste di prima mattina, dopo che (alcuni giorni fa) in un’abitazione dell’Oltrepò pavese, tramite i carabinieri di Casteggio, era stata segnalata la presenza di un ordigno.

Si trattava di un proietto di artiglieria anticarro, del tipo perforante-scoppiante (APHE), del calibro 30mm, risalente alla Seconda Guerra mondiale.

Il gruppo di artificieri, guidato dal Caporal maggiore scelto Porto, lo ha prelevato dall’abitazione e, dopo aver valutato che era trasportabile e ‘gestibile’ in loco, lo ha trasferito a bordo di un VM90T all’interno della cava.

Con il supporto dei militari di Casteggio e alla presenza di una squadra sanitaria della Croce rossa del 3° centro di Mobilitazione militare di Milano, gli artificieri di Cremona hanno fatto brillare l’ordigno.

Con una prima (debole) esplosione i militari hanno creato un varco nel proiettile.

Dopo di che, con una seconda deflagrazione lo hanno di fatto disintegrato, rendendolo definitivamente inoffensivo.

Il proiettile distrutto oggi proveniva da un’abitazione (di cui non si fornisce l’indirizzo) presente in Oltrepò, che si sta rivelando una piccola Sanatabarbara. Dalla medesima casa nelle scorse settimane infatti erano emersi altri tre ordigni, tre bombe a mano, che sono state fatte anch’esse brillare dagli artificieri di Cremona.

Sul posto questa mattina era presente anche la polizia locale di Torrazza Coste-Montebello, che ha bloccato il traffico sulla via Emilia nel momento delle esplosioni.

VIDEO

 

Commenti

Commenti via Facebook