SANTA CRISTINA E BISSONE 10/10/2017: Speronano l’auto della Polizia Provinciale. Arrestati due uomini

SANTA CRISTINA E BISSONE – Ieri alle ore 12 circa, in località Cascina Olza, del Comune di Santa Cristina e Bissone, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Stradella e gli agenti della Polizia Provinciale di Pavia traevano in arresto: E.C., classe 1986; e H.S., classe 1996,

entrambi di nazionalità marocchina, celibi, pregiudicati, senza fissa dimora e irregolari sul territorio nazionale, giacché responsabili dei reati di resistenza, lesioni personali e danneggiamento, in concorso.

In particolare, è accaduto che la Polizia Provinciale Pavia, a bordo del veicolo istituzionale in dotazione, durante l’espletamento di un servizio di controllo e antibracconaggio nei pressi del fiume Po, mentre percorreva una strada interpoderale, ha incrociato un’autovettura SAAB 93.

Intimato l’ALT agli occupanti, la Saaab, per sottrarsi al controllo, ha accelerato speronando il veicolo della Polizia Provinciale, finendo con esso fuori strada.

Gli occupanti dell’auto sospetta si sono dati alla fuga nei campi limitrofi, inseguiti dagli stessi agenti della Polizia Provinciale.

I fuggitivi poco dopo sono stati localizzati nei pressi di un casolare e poi bloccati con la collaborazione dei militari del N.O.R. della Compagnia di Stradella.

Nel corso delle indagini seguite all’arresto, l’autovettura SAAB, risultata intestata ad altro soggetto straniero pregiudicato e già intestatario di ulteriori 74 (settantaquattro) veicoli, è stata sottoposta a sequestro e affidata in custodia giudiziale.

Gli arrestati, dopo le previste formalità, sono stati ristretti presso la camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Stradella in attesa del rito direttissimo dinanzi l’autorità giudiziaria di Pavia.

Gli agenti della Provinciale, a causa delle lesioni riportate a seguito dell’incidente provocato dagli arrestati, sono stati medicati presso l’ospedale di Stradella e dimessi con prognosi di alcuni giorni.

 

Commenti

Commenti via Facebook