VOGHERA 19/04/2017: Minaccia d’investire con l’auto la ex. Un arresto in città. Numerosissimi negli ultimi giorni i casi di violenze anche in provincia

VOGHERANel pomeriggio di ieri la polizia di Voghera ha proceduto all’arresto di un cittadino italiano di 49 anni residente in città con l’accusa di maltrattamento in famiglia e lesioni personali aggravate.

Le manette e il carcere sono arrivati al culmine di una storia di persecuzione da parte di un uomo nei confronti dell’ex compagna, una donna di circa 35 anni con la quale l’aguzzino aveva avuto un figlio, testimone suo malgrado, come reso noto dagli inquirenti, di episodi di violenza.

L’arresto di ieri è stato effettuato in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pavia. Provvedimento emesso a seguito di una lunga e laboriosa indagine condotta dalla Sezione anticrimine del Commissariato.

Gli agenti – fra cui alcune poliziotte, che hanno curato i contatti con la vittima – durante i mesi di attività avrebbero raccolto numerose prove delle condotte violente dell’ex convivente.

Dai racconti della 35enne (supportata da un’associazione contro la violenza sulle donne), dai racconti dei testimoni; e da alcuni referti medici in cui si certificavano le violenze subite, sarebbero emerse continue ingiurie, percosse ed anche minacce di morte (ad una delle quali avrebbero assistito anche alcuni agenti accorsi in difesa della donna dopo una chiamata al 112).

Fra gli episodi più gravi, quello avvenuto poche settimane fa, all’inizio di Aprile, quando alla guida della propria auto il 49enne ha ‘puntato’ la donna, arrestando la marcia del vicolo a poca distanza dalla stessa. L’uomo nello medesimo frangente avrebbe preso a schiaffi e minacciato di morte la ex.

Come detto in precedenza, alcuni di questi atti persecutori sarebbero stati tenuti alla presenza del figlio minorenne della coppia, circostanza che ha fatto scattare l’aggravante della “violenza assistita”.

Visto tutto ciò, il 49enne, incensurato, dedito a lavori saltuari, è stato arrestato e portato nel carcere di Voghera.

MOLTI ALTRI CASI IN PROVINCIA

Il fenomeno della violenza sulle donne non è un evento che si registra solo nella città iriense e purtroppo non è nemmeno raro.

Diversi i casi registrati ad esempio negli ultimi giorni a Pavia.

Nel capoluogo l’altro ieri la polizia ha arrestato un altro uomo. L’arresto è avvenuto in una comunità di accoglienza cittadina, dove una donna aveva segnalato sulla linea di emergenza 112 la presenza di un uomo che stava inveendo contro di lei con insulti e minacce. Sul posto gli agenti hanno trovato un cittadino italiano di 37 anni, che, in forte stato di agitazione, continuava a gridare all’indirizzo della vittima. Lo stesso, dopo aver insultato e minacciato anche gli agenti è stato bloccato ed immobilizzato.

Sempre l’altro ieri a Pavia, la polizia ha fermato, in un’abitazione del quartierePonte di Pietra”, un uomo che stava tentando di introdursi in casa di una donna. Sul posto gli agenti hanno identificato un cittadino dominicano 54enne, che ha riferito di voler prelevare i suoi effetti personali dall’appartamento della donna, dove aveva convissuto per un breve periodo di tempo.

La richiedente, invece, ha dichiarato che poco prima l’ex compagno si era presentato in evidente stato di ebbrezza, tentando di sfondare a pugni la porta di ingresso.

Ancora, nella stessa giornata, una pattuglia della Squadra Volante è intervenuta nel quartiereBorgo Ticino” su richiesta di una cittadina rumena, la quale aveva segnalato che dopo un acceso diverbio con il suo compagno, connazionale, quest’ultimo impediva a lei ed al figlio minore di fare rientro nell’abitazione. L’uomo, che ha ammesso di aver assunto bevande alcoliche, ha affermato che nella mattinata successiva avrebbe lasciato la casa. La donna, spaventata per l’accaduto, ha deciso di trascorrere la notte presso una conoscente.

Infine, nella mattinata di ieri gli agenti sono intervenuti presso un esercizio commerciale di Pavia del quartiereSan Pietro”, dove una donna aveva riferito di essere stata poco prima aggredita dall’ex compagno.

Sul posto gli agenti hanno appreso che l’uomo, dopo averla seguita ed aspettata fuori dal negozio, si era avvicinato tentando di asportarle l’orologio dal polso. Durate le indagini sull’episodio è emerso che l’ex compagno della donna annovera precedenti per minacce ed atti persecutori.

Commenti

Commenti via Facebook