PAVIA VOGHERA VIGEVANO 18/04/2017: Ancora sbarchi di migranti e ancora arrivi in regione… e in provincia. Nel pavese se ne attendono 2.000. Le preoccupazioni della Regione

PAVIA VOGHERA VIGEVANO – Gli incessanti sbarchi di migranti nell’Italia del Sud dal nord Africa (8000 solo negli ultimi due giorni) rendono necessari nuovi interventi di redistribuzione dei richiedenti asili in tutta Italia, Lombardia e provincia di Pavia comprese.

A rendere nota la possibilità di nuovi arrivi è l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia commentando i numeri relativi agli sbarchi degli ultimi giorni.

“Attualmente la Lombardia ospita 23.700 aspiranti profughi, ma secondo l’ultimo piano di ripartizione elaborato dal Viminale potrebbero diventare 28.300 – dichiara Simona Bordonali, preoccupata per i costi “Una cifra insostenibile – prosegue Bordonali -, per un costo di 1 milione di euro al giorno”, e per la politica del Governo in tema di immigrazione (“Nonostante le promesse fatte e le tante parole spese, in materia di immigrazione il Governo continua a dimostrarsi dannoso per la Lombardia””.

Gli accoglimenti avverrebbero secondo un piano di ripartizione che terrebbe conto solo del numero abitanti.

“Il nuovo piano di ripartizione – ha aggiunto Bordonali – tiene conto solo del numero di abitanti della Lombardia e non del fatto che nella nostra regione vivono già oltre 1,3 milioni di immigrati, ossia il 13 per cento della popolazione contro una media nazionale dell’8 per cento.”

Poi un suggerimenti al Governo che “deve fare ciò che fece Maroni da ministro dell’Interno: stop agli sbarchi e rimpatri di massa di tutti i clandestini”.
Secondo l’ultimo piano di ripartizione, alle province lombarde spetterebbero in totale 28.300 richiedenti asilo così distribuiti:

Bergamo 3.353
Brescia 3.624
Como 1.897
Cremona 1.210
Lecco 1.037
Lodi 688
Mantova 1.162
Milano 7.774
Monza e Brianza 2.358
Pavia 1.970
Sondrio 662
Varese 2.565
Numeri che Bordonali commenta così. “Purtroppo il governo Gentiloni è in perfetta continuità con quello di Renzi: sul tema dell’immigrazione registriamo tante belle parole, ma nessun risultato. Rispetto all’anno record del 2016 infatti gli sbarchi sono addirittura in vertiginoso aumento: siamo ormai a +23,8 per cento. In tre mesi e mezzo in Italia sono sbarcate 27 mila persone”.

Infine, guardando alle nazionalità dichiarate al momento dello sbarco, l’assessore spiega “si capisce che stanno arrivando tutti migranti economici, ossia clandestini. La prima nazionalità è addirittura quella del Bangladesh. In pratica gli immigrati fanno il giro del mondo pur di arrivare in Italia, perché sanno che saranno mantenuti per circa un anno e che non verranno rimpatriati una volta riconosciuti come irregolari” conclude Bordonali.

Nella foto il centro di accoglienza temporaneo di Stradella  che ospita 120 migranti. A Voghera invece che sono un centinaio distribuiti in due hotel.

 

 

Commenti

Commenti via Facebook